Search  
Novità

Il testo della lettera FLC CGIL ai lavoratori della scuola sulla valutazione degli insegnanti. Un esempio di delibera per i Collegi Docenti.

Edicola

Rassegna stampa del Cidi nazionale.

Rassegna stampa  da Educazione&Scuola

Rassegna stampa dal MIUR

Archivio

Vai alla pagina archivio

Commenti

Se vuoi commentare il contenuto di questa pagina puoi scrivere alla redazione

da Domenico

30 marzo 2010

 

Salve.
Oggi è un altro giorno.
Questi due mesi con cui si chiude questo anno scolastico non saranno facili da affrontare.
(prosegui la lettura)

Il pensiero ...

Quanto più la situazione è disperata tanto più, come diceva Gramsci, bisogna  

affidarsi al pessimismo della ragione e all’ottimismo della volontà.

 

da un’intervista a Edoardo Sanguineti, poeta e letterato, 1930-2010.
Scrivi

 Scrivi al Governo

Un testo da incollare sulla mail da inviare al servizio per la trasparenza dell'attività normativa del Governo:

Con riferimento all'annuncio del Presidente del Consiglio On.
Silvio Berlusconi di inviare ad ogni famiglia italiana il libro "Due anni
di governo", mi preme comunicarVi che desidero assolutamente NON
riceverlo,essendo un mio diritto in base alla legge per la tutela
della privacy n. 675/1996 ed il relativo D.P.R. n. 501/1998, nella
fattispecie articolo 13 comma e), e che la spesa relativa che si risparmierà,
venga messa a disposizione del Ministero della Pubblica istruzione e/o del
Ministero della Sanità.
Ringraziando per l'attenzione porgo distinti saluti.

 

POLITICA SCOLASTICA

IL CIDI Torino segue la politica scolastica, nazionale e locale, nello spirito della partecipazione democratica alla trasformazione e al rinnovamento delle condizioni strutturali e culturali che consentano di rendere sempre più efficaci l'offerta formativa e i processi di insegnamento/apprendimento.

Il CIDI Torino considera l'autonomia delle istituzioni scolastiche il principale strumento per la salvaguardia e lo sviluppo del pluralismo culturale e della laicità della scuola pubblica.

Ripudia ogni uso dell'autonomia come strumento di competizione fra scuole, facilitazione delle scelte familistiche e localistiche o di intensificazione della competitività e dell'arrivismo individuali. 

Il CIDI Torino sollecita La Regione e gli Enti locali a cooperare con lo Stato nell'attuazione di una politica scolastica adeguata ai bisogni delle persone e allo sviluppo non competitivo delle comunità e del paese.

 

Segnaliamo

 

L'intervista di Vera Schiavazzi (La Repubblica, 3/9/2013) a Domenico Chiesa e Fabio Fiore.

 

 

 

 CAMPAGNA ELETTORALE: CHE COSA CHIEDIAMO PER LA SCUOLA ALLE FORZE POLITICHE?

 

5 DOMANDE AI CANDIDATI PREMIER

 

SI CHIUDE L'ERA DEI TAGLI ALL'ISTRUZIONE E. Bruno - C.Tucci

 

 L'ITALIA GIUSTA SI PREPARA A SCUOLA - F. Puglisi

 

QUALI POTICHE PER LA SCUOLA - M. Boscaino

 

STABILITÀ, FIDUCIA, RISORSE: ECCO LE IDEE DEL PD IN 8 PUNTI - F. Puglisi

 

LA VALUTAZIONE E IL MERITO NEI PROGRAMMI ELETTORALI DI ALCUNI PARTITI - M. Barone

 

NEL PROGRAMMA ELETTORALE DEL PD C'È L'ORGANICO FUNZIONALE TRIENNALE - Lucio Ficara

 

PROGRAMMA PD PER LA SCUOLA: DOCCIA SCOZZESE E  DELUSIONE- V.Pascuzzi

 

IN ITALIA L'ISTRUZIONE CONTA AL 2% E ALLA POLITICA NON INTERESSA - P. Almirante

 

PROPOSTA PER LA SCUOLA PER LA XVII LEGISLATURA - ANP

 

SE TOCCA AL PD: COSA CAMBIA DALL'ASILO AL LICEO - Italia Oggi

 

INTERESSANTE PROPOSTA SULLA SCUOLA - S. Stefanel

 

SE ANCHE LA SINISTRA DIMENTICA LA SCUOLA - M. Boscaino 

 

PROGRAMMA ELETTORALE PDL - M. Lupi

 

L'AGENDA MONTI PER TUTTE LE STAGIONI. RIMOTIVARE GLI INSEGNANTI -  V. Pascuzzi 

 

REGISTRI ELETTRONICI E VOTI ON LINE

 

 La normativa

 

Perché il registro elettronico è un' illusione educativa -   M. Veladiano

 

 Aspiranti stregoni e registri elettronici - M. Guastavigna

 

Concetti a "schiovere" - M. Guastavigna

 

La balla dei nativi digitali - R. Casati

 

La "rivoluzione digitale" a scuola? - P. Mottana

 

I nemici dell'innovazione a scuola - E. Segantini


 

 18 ORE: LA PAROLA AGLI INSEGNANTI DEL CIDI

 

G. Cerini - Il mantra delle 18 ore: oltre la didattica frontale 

 

Allora, chi ha vinto?

Difficile parlare di orari di lavoro degli insegnanti, di questi tempi, tra improvvide manovre finanziarie e scontatissime reazioni “piccate” degli insegnanti.  (leggi il resto)

  

Gianni di Pietro - Lettera al Ministro Profumo

 

13 ottobre 2012

Egregio Signor Ministro Profumo, 

quando lei ha preso questo incarico ho tirato un sospiro di sollievo.  (leggi tutto)

 

A questo link trovate una tabella di comparazione aggiornata ed affidabile delle ore di lavoro e degli stipendi degli insegnanti dell'eurozona (G DP)

 

Maria Luisa Jori -  Il tempo dell'insegnante è prezioso

 

In questi giorni  i tagli alla scuola  contenuti nella Legge sulla stabilità hanno suscitato discussioni e agitazioni politiche e sindacali a tappeto.  (leggi tutto)

 

Roberta  Isastia -  Gli italiani e la scuola

 

Sabato 27 ottobre ho corretto alcuni compiti dei miei alunni in Piazza Castello insieme ad altri colleghi, al fine di mostrare il lavoro solitario e quotidiano dell’insegnante, lavoro che va ben oltre le 18 ore di cattedra.   (continua a leggere l'intervento)

 


COMUNICATO STAMPA - CIDI NAZIONALE

   

I costi di una politica sbagliata

 

Avevamo chiesto al Ministro segnali forti di discontinuità rispetto al governo precedente, ma dobbiamo constatare che, pur vestita con i panni decenti del nuovo governo, continua a  camminare la stessa politica. 
Basti pensare che la scuola ha coperto l'86% del risparmio della spesa statale e subirà ancora il blocco dei contratti e degli scatti d’anzianità fino al 2017. 
 (continua a leggere) 

 


  

 DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO: CONTRIBUTI PER LA DISCUSSIONE

Istituti  comprensivi:                  stop and go… G. Cerini (leggi

ANDIS PIEMONTE Documento relativo alla generalizzazione degli istituti comprensivi approvato dall'Assemblea del 20 dicembre 2011 (leggi)
REGIONE PIEMONTE - PIANO TRIENNALE DI INTERVENTI in materia di istruzione, diritto allo studio e libera scelta educativa per gli anni (vai al link)

 

(locandina del 18 dicembre e riflessioni ) 

 


 

 Modena 19 settembre 2011 “Un moderno sistema di formazione e valutazione per una scuola di qualità”

 
Mario Ambel   Appunti per il dibattito

  

 

Articoli segnalati:

 

Non c’è democrazia senza uomini e donne in grado di farla vivere e crescere. Questo è il compito prioritario  ... (leggi tutto il documento, stampa e diffondi)

  

Segnaliamo ai colleghi i contributi di Zagrebelsky e delle altre personalità 

( video Zagrebelskygli altri interventi)

  


 

Civiltà” è femminile plurale   M.L.Jori

E’ stato scritto, parafrasando Albert Camus, che “ il valore di una società dipende anche da come vengono trattate le donne. Dall'immagine che se ne ha.”   Domenica prossima 13 febbraio in ogni grande città italiana scenderanno in piazza soprattutto donne, ma anche uomini, quelli che hanno a cuore la difesa della civiltà (leggi tutto)

 

 Un futuro di tagli, ecco le cifre

Meritiamo rispetto, pretendiamolo

  


 

 B. Vertecchi - La scuola del duemila, poche risorse addio equità

La funzione di mobilità ascendente dell’istruzione sempre più compromessa dagli ultimi interventi (vai all'articolo)

 

 

 L'anno che verrà: ritorno a scuola, tra caos e crisi.dossier

 


 

L'intervento di M.Recalcati al convegno di Napoli

 

Elogio della classe media. Così la scuola dell'obbligo fa scoprire il mondo. (leggi)

 


Stop alla manifestazione

del 7 settembre organizzata a

 

 Torino dalla Lega Nord

 

Il Cidi Torino manifesta indignazione e preoccupazione per la decisione presa dalla segreteria politica della Lega Nord di organizzare una manifestazione sul contrasto all’immigrazione e contro lo ius soli a Torino il 7 settembre prossimo.

L'essere educatori nella scuola della Repubblica Italiana ci impone un comportamento etico inequivocabilmente coerente con la Costituzione e quindi di netto contrasto a tutte le manifestazioni di intolleranza, xenofobia e/o di aperto razzismo.

La chiusura al mondo degli immigrati ci riporta agli anni in cui i nostri giovani italiani venivano respinti e discriminati nelle terre straniere in cui cercavano lavoro, o agli anni più recenti in cui i nostri genitori dal Sud emigrarono in un Nord ostile ma bisognoso di forza lavoro.

Oggi la diminuzione dell’immigrazione è segno non certo di miglioramento della condizione sociale ma della profondità della crisi economica tale per cui le strade verso il lavoro hanno preso altre direzioni.

Chi frequenta la scuola accanto compagni nati all’estero ma da anni stabili in Italia o nati in Italia da genitori stranieri ritiene naturalmente ovvio lo ius soli.

Per chi incontra le madri e i padri stranieri dei nostri studenti non può che suonare gravissimo, insopportabile, indegno l’insulto di Calderoli alla ministra Kyenge.

 

Dalla prima pagina

 È l'ora della mobilitazione

Fare scuola, fare scuola, fare scuola.

 Un comunicato del Cidi.


IL RISPETTO CHE MERITANO GLI INSEGNANTI

S. Toselli -  17 aprile 2011

A volte tornano e si ripetono. Berlusconi ha detto, anzi questa volta ha scritto, che gli insegnanti della scuola pubblica, ovvero dello Stato, “inculcano” le loro idee agli alunni, contravvenendo ai valori delle famiglie. Detto in altro modo, il premier esorta a diffidare degli insegnanti perché sono tutti, tranne probabilmente quelli delle scuole private, pericolosi sovversivi, post-sessantottini e comunisti. Peccato però che una ricerca del Cidi «Gli insegnanti italiani e la scuola della Costituzione» smentisca la convinzione del premier e della sua maggioranza. (leggi)


La valutazione di scuole e docenti 

Il comunicato del Cidi

 

3 dicembre 2010

 

 

 

In questi giorni si è aperto un acceso dibattito sulle sperimentazioni che dovrebbero introdurre in Italia la premialità del “merito” dei docenti e delle scuole. Tema caldo e delicato che, da qualsiasi parte lo si prenda, si prende male.  In questo caso è preso malissimo: non si dice  con quali criteri siano state scelte le scuole (a Torino e Napoli per valutare la “qualità” delle prestazioni degli insegnanti, a Pisa e Cagliari per valutare le scuole). Non si spiega quali prestazioni siano quelle attese e desiderabili, né quali criteri di valutazione si mettano in campo. Si tace sul fatto che queste sperimentazioni non siano passate al parere del CNPI. Né si dice che si dà ad alcuni per togliere a tutti. Ai docenti infatti saranno tolti gli scatti di anzianità (perché esistono, secondo il Ministro solo nel nostro paese) per introdurre l’aumento salariale attraverso un sistema che premierà il cosiddetto “merito” (la dichiarazione più recente è sul Mattino di Napoli del 30 ottobre 2010).
Naturalmente non è vero che gli scatti di anzianità esistono solo da noi perché quasi tutti i paesi al mondo combinano anzianità di servizio con retribuzioni differenziate disposte in base ai carichi di lavoro, alle responsabilità e ai compiti, ai titoli e alle competenze, ai contesti lavorativi, ecc.
Quello della valutazione (del sistema, della singola scuola, del docente e dello studente) è un tema che andrebbe preso sul serio, se non fosse che in una scuola ridotta al minimo del suo funzionamento, la trovata attuale del Ministro darebbe - se andasse a regime - il colpo finale.

 


 

 

 

 

 

 

 

Ricominciamo l'anno scolastico ribadendo ancora le convinzioni espresse in primavera attraverso

 

IL COMUNICATO DEL CIDI TORINO

  
Il Ministro ha un’idea di scuola che è l’opposto di quella in cui noi crediamo e per la quale lavoriamo.

 

La nostra scuola…

  • rispetta il mandato costituzionale
  • è una istituzione pubblica e laica finalizzata alla inclusione e alla promozione sociale
  • è considerata un settore di investimento per il progresso del paese e la salvaguardia della democrazia
  • promuove l’autonomia responsabile, la cooperazione in rete e la collaborazione territoriale fra i diversi istituti
  • favorisce il dialogo e la collaborazione con le famiglie
  • crede nella collegialità e nella collaborazione fra docenti
  • alimenta la responsabilità educativa e professionale dei docenti, il rinnovamento permanente del fare scuola
  • cura la relazione educativa e la disponibilità ad apprendere dell’allievo
  • persegue la costruzione di sapere critico e l’acquisizione di competenze culturali di cittadinanza
  • valorizza il piacere di capire e di star bene a scuola
  • accompagna ciascuno nella costruzione del proprio progetto di vita
  • non crea ghetti e barriere e non lascia indietro nessuno

 

 

( il comunicato in pdf )

 

 

 

 


 

 

INDIETRO TUTTA

 

Il ddl sul lavoro contro il diritto all'apprendimento a scuola. Comunicato stampa (leggi tutto)

 

 


 

Della pubblica infelicità


di Maria Luisa Jori

Ahi serva Italia, di dolore ostello

nave sanza nocchiero in gran tempesta,

non donna di province, ma bordello!

(Dante Alighieri)

Un buon governo si definisce non in astratto, come nell’allegoria dipinta da Ambrogio Lorenzetti, né secondo criteri formulati in e per altri tempi, come quelli, per esempio, del trattato di Machiavelli, ma di volta in volta secondo i diversi contesti storici. Non è mai stato facile, ma soprattutto oggi definire i caratteri del buon governo è divenuto un compito particolarmente complesso. ( leggi tutto l'articolo del 21/12/2010,  dal sito Città Futura)

A proposito di ...

Domenico Chiesa ci segnala l'articolo di G. Fofi  "Qualcuno era socialista", da L'Unità del 9 ottobre 2010

"Il socialismo, diceva Albert Einstein, è il tentativo dell’umanità di superare e lasciarsi alle spalle la fase predatoria dello sviluppo umano». Lo ricorda alla fine di un candido e convincente libricino intitolato Socialismo perché no? (Ponte alle Grazie, 60 pagine, 9 euro; la traduzione è di Francesca Valente) il filosofo canadese Jerry Cohen, morto purtroppo un anno fa, che aggiunge: «Qualunque mercato, anche un mercato socialista, è un sistema di predazione. Fino a questo momento il nostro tentativo di superare i rapporti di predazione è fallito. Ma non è detto che la giusta conclusione sia arrenderci».
Consiglio caldamente la lettura di queste pagine ai nostri saccenti, ignoranti, chiacchieroni, cinici funzionari della politica ..."
(continua la lettura)

 

 

commenti all'articolo

 


 "Tutto precario, una generale iniezione di fiducia" Intervista a Magda Ferraris di M. Pagliassotti (leggi)

 


Mercoledì 29 settembre, ore 20.30 Mario Ambel è stato ospite della trasmissione Balôn su 4Rete (tv per il Piemonte) dedicata ai provvedimenti del Governo sulla scuola. Speriamo di poter inserire presto  la registrazione della trasmissione.

 

 

"Sotto stretta valutazione" , martedì 27 luglio 2010

 

Intervista a M. Ambel su funzioni e compiti dell'INVALSI - M. La Calce, NUOVA SOCIETÀ

 


 

 Dal Comunicato Cidi di fine primavera 2010:

No alla scuola superiore del Ministro Gelmini

 

Siamo profondamente turbati dai provvedimenti del Ministro Gelmini sulla scuola superiore che ripropongono la scuola degli anni cinquanta, fingono di perseguire serietà e rigore, ma in realtà resuscitano idee e valori che sono già stati spazzati via dalla storia, mentre riducono il tempo scuola, chiudono i laboratori e cancellano decenni di innovazione didattica.

 

Non vogliamo una scuola superiore che divide e discrimina, che fingendo di valorizzare il merito premia solo le rendite di posizione, che costringe a scegliere quando non si è ancora in grado di farlo, che non sa catturare l’attenzione dei giovani e placare le loro incertezze.

 

Vogliamo una scuola superiore che guida le ragazze e i ragazzi a scoprire e rinforzare le proprie potenzialità, che li aiuta a crescere e a scegliere, che ha la pazienza di aspettarli e la capacità di convincerli che vale la pena vivere in modo autonomo e responsabile, interrogandosi sui perché delle cose e agendo da cittadini consapevoli.

 


"PER I DIRITTI NELLA SCUOLA PUBBLICA" - Schede di informazione per saperne di più, per difendere e garantire la qualità della scuola pubblica. A cura della FGC CGIL

Da leggere

 

Quelle parole che grondano sangue

di A. Prosperi

http://www.repubblica.it/speciali/maturita-2010/2010/06/23/news/quelle_parole_che_gondano_sangue-5079213/index.html?ref=search

 

"Fuori contesto la frase di Mussolini" gli storici criticano la prova di italiano

di M. Smargiassi

http://www.repubblica.it/speciali/maturita-2010/2010/06/23/news/il_discorso_su_matteotti_fu_l_ultimo_colpo_alle_libert-5079642/index.html?ref=search

 

 

Obbligo di istruzione nell'apprendistato: 126.000 ragioni per essere contrari

di F. Dacrema e A. Teselli

documento 

 

Lettera di una professoressa a Don Milani

di M. Spicola

http://temi.repubblica.it/micromega-online/lettera-di-una-professoressa-a-don-milani/

 

 La scuola in frantumi

Maria Luisa Jori scrive un editoriale per il sito http://www.cittafutura.al.it/.

"Negli ultimi giorni dell’anno appena trascorso  mi era  arrivata  indirettamente  la seguente informazione, proveniente da un autorevole e attivo esponente del Partito democratico: Giovanni Bachelet, recentemente nominato presidente del Forum della  istruzione del PD (uno dei  “gruppi di studio” tematici di prodiana memoria, ora ricreati da Bersani),  dovendo presentare una proposta di riforma  della scuola secondaria alternativa  a quella..." Leggi il seguito

Parlare di scuola

La scuola fallita -

La puntata di Presa Diretta su Rai3 dedicata alle gravi difficoltà in cui versa la scuola pubblica.

Il commento di Iacona, il giorno dopo.

"La scuola reale che la politica ignora", articolo di A.M. Palmieri del 16 febbraio 2010

Parlare di scuola .... da dentro

Un articolo di B. Mezzina sulle tracce dei temi d'italiano per la maturità 2010 (dal sito nazionale).

 

 

Alcuni commenti di colleghi della scuola secondario di primo grado sui test Invalsi.

 

 

 Ma noi non siamo schiavi intellettuali" intervista a C. Bracchi (La Repubblica, 15 giugno 2010) (versione articolo in pdf)

Sulla .... "riforma"

 

Pubblichiamo i pareri del CNPI resi nella seduta plenaria del 26 agosto.

 

Parere sul progetto di sperimentazione, ex art. 11 del DPR 275/1999, della Società cooperativa Scuola Bosina di Varese (Prot. 6054 del 26 agosto 2010)

 

Parere sullo schema di regolamento recante le disposizioni per la razionalizzazione e l’accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento ...  (Prot. 6055 - del 26 agosto 2010 - )

 

Parere sui Decreti interministeriali di ridefinizione dell’orario complessivo annuale delle lezioni .... (Prot. 6056 - del 26 agosto 2010)

 


 

I commenti di Vertecchi e Chiesa sulla "riforma" della scuola superiore:

 

B. Vertecchi:  Altro che Finlandia, così la scuola torna ai modelli del 1800.

 

 

D. Chiesa:  Adolescenti "no future" 

 

 


 

 

 

 Dal Cidi nazionale, un documento sul "riordino" della scuola secondaria superiore, da leggere e diffondere.

 

Scuola superiore: un 'riordino' che riporta indietro il paese

 

Cari colleghi, siamo in prossimità di quella che viene mediaticamente definita una “grande riforma” ma che rischia di rivelarsi un clamoroso passo indietro dell’attuale assetto della secondaria di secondo grado... (leggi il documento)

Documenti dal Cidi

 Il parere del CIDI sulla circolare n° 2 - Integrazione degli stranieri

"La prima domanda che affiora dopo la lettura della C.M. n. 2/2010 è perché in questo momento il Miur senta la necessità di emanare indicazioni e raccomandazioni sull’integrazione degli alunni migranti. "

(leggi il documento)

 

Il documento del Cidi, del CDG, del forum "Non rubateci il futuro" sulle iscrizioni.

Il confronto

Uno scambio di mail....

venerdì 5 marzo 2010 

Vi mando questa lettera che una mia Insegnante ha scritto a Corrado Augias, a proposito del tetto 30 % di stranieri in ogni classe … ho trovato il testo delizioso, ancora di più se penso che nelle classi della scuola Vidari , quelli che scrivono meglio in italiano e ci permettono di superare le prove INVALSI sono proprio gli stranieri!
Certo non tutto è semplice e occorre lavorare con passione e competenza, ma i risultati superano , a volte, persino le nostre aspettative.
Con  cauto ottimismo…
Saluti, ancora colorati di giallo


Mariangela Bucci
 

Carissima  Direttrice,
oggi pomeriggio un po' per scherzo e un po' per convinzione dopo aver corretto alcune verifiche ho mandato questa mail a Corrado Augias che mi ha risposto.
 

 

Wednesday, February 03, 2010

Caro Dott. Augias, si è molto parlato in queste ultime settimane del tetto di alunni stranieri nelle classi. Sono un'insegnante e insegno in una quarta elementare nella zona Mirafiori di Torino. La metà dei miei 20 alunni è di nazionalità straniera. Siamo in periodo di verifiche quadrimestrali e la nostra interclasse ha deciso di assegnare come testo la descrizione del ritratto di Klimt "Il cappello nero".
Le trascrivo uno dei testi dei miei alunni.
"Nel ritratto vedo una donna seduta su una panchina che sta pensando. Ha le guance rosse come delle mele, i capelli biondi come un campo di grano e il suo cappello sembra come l'oscurità e le tenebre.
I suoi occhi sono azzurri come il mare, le sue labbra rosse come ciliegie fresche sopra un grandissimo albero pieno di frutti il suo sguardo gelido come la neve che cade in montagna,le sue mani lisce come la pelle di un bambino, il suo profumo sembra come un prato di fiori, il suo naso a patata è rotondo come un limone, le sue ciglia come la linea immaginaria che taglia il mare dal confine, i suoi vestiti freschi di bucato con una pelliccia di leone al collo.E' proprio così che deve essere una donna."
L'autore di questo testo si chiama Anas ha nove anni e in casa parla solo arabo.
Ha imparato a parlare, scrivere, pensare in italiano a scuola, con le sue insegnanti e con i suoi compagni italiani, romeni, moldavi, bosniaci, iracheni, egiziani, algerini.
In certi giorni è più facile ricordarsi che fare la maestra è un lavoro meraviglioso.
Paola Merlo

Mercoledì 3 febbraio 2010, 18:37

grazie pubblicherò
molto cordialmente, corrado augias

Iniziative di resistenza

Regione Sicilia: mozione per il rinvio di un anno per la superiore. 

 

 


 

 .. dalle scuole

Le scuole superiori si mobilitano contro la riforma.

 

1. Prosegue, con un buon successo, il blocco dell'adozione dei libri di testo per le classi prime. Diverse scuole hanno bloccato l'adozione su tutte le classi.


2. Istituto Magistrale Regina Margherita: da venerdì 4 giugno è partita l'iniziativa "lezioni in piazza". In pratica le lezioni delle classi quinte si terranno davanti alla scuola in Via Valperga Caluso 12. Invitiamo tutti quanti a presenziare, sostenere e diffondere.
 
3.   Lunedì 7 giugno alle 14,00 una delegazione ha consegnato al vicedirettore regionale Paolo Iennaco l'elenco delle scuole in agitazione, le delibere approvate e chiesto notizie aggiornate sulla condizione degli organici.
 


Di seguito l'elenco delle scuole in cui prosegue il blocco:

01 ITIS Majorana Grugliasco
02 IPS Boselli Torino
03 ITIS Pininfarina Mancalieri (2 volte)
04 IPS Steiner
05 IPS Beccari
06 Istituto d'arte Passoni
07 IMS Regina Margherita
08 ITS Santorre di Santarosa Torino
09 ITIS Peano Torino
10 ITIS Maxwell Nichelino
11 ITIS Grassi Torino
12 IPC Giulio
13 IPS Zerboni (2 volte)
14 ITC Luxemburg
15 ITIS Avogadro (2 volte)
16 IPS Gobetti Marchesini
17 LC d'Azeglio
18 LS Copernico

 

( mozione  dell'ITCS R. Luxemburg e richiesta dimissioni)

 

(mozione, sciopero scrutiniblocco dell'ITIS Grassi)

 

(delibera dell'IPC Boselli) 

Invalsi

L’esame di licenza media e il caos della prova Invalsi

 

 L'errore nella griglia di correzione della prova nazionale Invalsi dell’esame di terza
media è il sintomo più clamoroso ed emblematico dello stato confusionale in cui si
dibatte il Ministero.
 
(comunicato stampa CIDI)

 

Un appello per chiedere la modifica dell’esame finale della scuola secondaria di primo grado

 

Sul sito nazionale un odg dal Cidi Pescara per i Collegi Docenti.

Un documento della Direzione Didattica di Saluzzo. Questa la lettera di accompagnamento del Dirigente:

 

DIREZIONE DIDATTICA DI SALUZZO
 
Prot. n. 3505/B19
 
Il Collegio Docenti del Circolo di Saluzzo, dopo aver analizzato dettagliatamente le prove INVALSI dell'anno in corso, ha elaborato il documento in allegato, con lo scopo di promuovere una riflessione critica, da condividere con le scuole del territorio. Ritiene importante unire gli intenti, per ottenere maggiore incisività e proporre la creazione di strumenti di valutazione più adeguati ed efficaci. Ringraziando per l'attenzione, confida nella più alta e costruttiva adesione.
 
Saluzzo, 29/06/2011                             
 
                                                                      Il Collegio Docenti del Circolo di Saluzzo
 
                                                                                                    F.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO

 

Home:Comunità operosa online:Iniziative :Politica scolastica:Ricerca :Formazione:C.R.E.A.:Materiali:Inviata speciale:cidito.it
Copyright (c) Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy